Come eliminare gli odori dai tessuti

Il cattivo odore è una delle cose più fastidiose, specie quando impregna i tessuti della nostra casa. E purtroppo non sempre è sufficiente un elevato livello di pulizia per liberarsene. Capita a volte, infatti, che si sia assaliti dagli odori dopo ever lasciato la casa chiusa per qualche settimana o magari in seguito ad un incidente, come del latte rovesciato involontariamente sui divani o il nostro amato cagnolino che decide di fare i bisogno proprio sul tappeto! Niente panico! Ecco un breve vademecum su come eliminare gli odori dai tessuti

Eliminare gli odori dal divano

Prima di procedere oltre è bene fare una precisazione: i cattivi odori sono sempre provocati dai batteri. Per eliminare gli odori, dunque, è sufficiente sbarazzarsi dei batteri. Facile, no? Non sempre… La difficoltà è maggiore quando il divano non è sfoderabile. In questo caso è importante pulirlo bene con i metodi più adatti (leggendo le istruzioni riportate nell’etichetta): a secco o con un panno bagnato con acqua e sapone. Se l’odore dovesse persistere anche dopo il lavaggio, sarà possibile cospargere del bicarbonato sulla parte maleodorante. Il bicarbonato non è un disinfettante, ovvero non uccide i batteri, ma rende loro ostile l’ambiente. L’utilizzo di un deodorante è consigliabile solo dopo aver effettuato gli altri passaggi e se l’odore dovesse persistere. In ogni caso, sceglietene uno senza profumazione perché a lungo andare anche gli odori piacevoli rischiano di diventare cattivi.

Eliminare gli odori dalle tende

Per le tende il discorso è molto più semplice. Queste infatti sono quasi sempre lavabili a mano o in lavatrice. Un ciclo di lavaggio (o più di uno per gli odori particolarmente persistenti) sarà sufficiente a deodorare completamente il tessuto. La cosa importante è far asciugare le tende all’aria aperta, evitando di utilizzare asciugatrici per far sì che arieggino bene.

Eliminare gli odori dai tappeti

I tappeti sono tra loro molto diversi. Per tappeti particolari o di lusso, come quelli persiani, il consiglio è di rivolgersi ad aziende specializzate nel servizio. Per tappeti di minor pregio, invece, basterà lavarli accuratamente come nel caso delle tende e farli asciugare completamente all’aperto. Anche in questo caso si possono utilizzare deodoranti ma il consiglio è sempre di sceglierne uno neutro e di verificare che sia adatto al tipo di fibra della quale il tappeto è composto.

Vuoi pulire i tuoi tessuti in modo professionale?

Se hai scoperto come eliminare gli odori dai tessuti ma preferisci rivolgerti ad un’impresa per avere un servizio professionale contattaci così da avere un’idea dettagliata. Noi di Aurora Cleaning abbiamo oltre vent’anni di esperienza nel campo delle pulizie professionali ed il nostro personale è a disposizione per fornirvi una consulenza preliminare gratuita e senza alcun impegno: contattaci ora!

Pulizia delle tende: gli errori da non fare

La pulizia delle tende è un’operazione da eseguire costantemente. Lo sa bene chi ama le proprie tende: tra polvere, peli di animale, capelli, eventuali macchie e… chi più ne ha più ne metta, tenere le tende pulite è sempre una lotta. Tuttavia un eccesso di zelo può portare a volte a fare dei danni. Quali sono i principali errori da evitare?

Ecco gli errori più comuni nella pulizia delle tende

  1. Ignorare l’etichetta
    Può sembrare scontato eppure leggere l’etichetta prima di procedere con la pulizia è davvero molto importante. È proprio lì infatti che si trovano le istruzioni fondamentali su come procedere: si possono lavare in lavatrice? Quali detersivi si possono utilizzare? È consigliabile o meno l’uso dell’asciugatrice? Entro quali temperature?
    Si tratta di informazioni molto importanti che vengono fornite dal produttore proprio per non mettere a rischio le fibre di cui la tenda è composta. E se l’etichetta non c’è? In tal caso, provate a verificare sul sito del produttore cercando il modello della vostra tenda. Se proprio non è possibile reperire alcuna informazione, allora osservate bene il tessuto e cercate di farvi un’idea sulla sua composizione.
  2. Lavarle direttamente
    Uno dei maggiori problemi legati alla pulizia dele tende è l’accumulo di polvere e materiale organico. Se non si procede ad una totale eliminazione prima del lavaggio, tali residui si impasteranno con i liquidi (acqua o detersivo) formando una fanghiglia che, invece di venir via, penetrerà in profondità nelle fibre. Il consiglio è quello di sbatterle delicatamente oppure, se si dispone di attrezzatura adatta, aspirarle quando sono ancora appese.
  3. Asciugare le tende sotto il sole diretto
    Spesso si mettono le tende ad asciugare sotto il sole, con la convinzione che questo le renderà più belle. Niente di più sbagliato! Le tende vanno asciugate all’aria, meglio se all’esterno, ma al riparo dai raggi solari. Inoltre sarebbe meglio stenderle in piano, così da evitare i segni di fili e mollette e da non stressare i tessuti.

Cerchi un’impresa di pulizie professionali?

Se non vuoi rischiare di danneggiare le tue tende scegli un’impresa di pulizie. Noi di Aurora Cleaning operiamo nel settore delle pulizie professionali da oltre vent’anni ed il nostro personale è a disposizione per fornirvi una consulenza preliminare gratuita e senza alcun impegno: contattaci ora!

Pulizia dei divani: 3 motivi per affidarsi ad Aurora Cleaning

Il divano è il luogo dove trascorrere del tempo in relax, da soli o in compagnia della propria famiglia. È il luogo dove addormentarsi quando ci si attarda con un film ma anche quello dove ricevere i propri amici. Per questo motivo la pulizia dei divani è fondamentale al fine di rendere accogliente l’intero ambiente. Pulire spesso e frequentemente divani e poltrone si rivela più che necessario nel nostro ordine del giorno. Ecco quindi 3 motivi per i quali è meglio affidarsi a una impresa di pulizie come Aurora Cleaning.

Aurora Cleaningle caratteristiche della nostra squadra

Il primo motivo è la nostra esperienza nel campo. Da oltre vent’anni lavoriamo per numerosi clienti di Milano, sia privati sia aziende, e siamo conosciuti per 

  1. professionalità;
  2. puntualità;
  3. livello di soddisfazione dei clienti.

Sono molte le qualità che ci contraddistinguono, tra le quali la disponibilità e la flessibilità. Potete contattarci in ogni momento per fissare un preventivo e valutare il tipo di intervento necessario per il vostro divano.

Gli Smart Cleaners nella pulizia dei divani

Un altro importante motivo che ci contraddistingue come servizio di pulizia sul territorio è la nostra equipe di collaboratori. Gli Smart Cleaners sono i più esperti nel campo, professionisti altamente competenti e specializzati in vari settori o servizi. Gli smart cleaners che si occupano della pulizia divani sono altamente qualificati e possiedono una conoscenza delle fibre sintetiche e naturali consolidata da anni di esperienza. Per questo motivo siamo in grado di garantire un servizio dall’elevatissimo standard qualitativo.

Tre motivi e molti altri!

Abbiamo scritto “3 motivi per scegliere la nostra azienda”? Beh, non è del tutto vero. Di motivi… ce ne sono molti di più! Se le prime due ragioni non fossero abbastanza, ecco allora un’altra serie di motivi per i quali Aurora Cleaning è il miglior servizio di pulizia che possiate trovare.

Se siete interessati ai nostri servizi di pulizia, potete chiedere subito un preventivo senza impegno cliccando qui.

Cosa sono gli acari della polvere? Tutto ciò che c’è da sapere

Su questo blog abbiamo spesso nominato gli muffe, acari, allergeni e agenti patogeni. Abbiamo infatti sottolineato più di una volta di come sia importante effettuare una corretta pulizia e manutenzione per limitarne il più possibile la proliferazione. Ma esattamente cosa sono gli acari della polvere? E quali sono i rischi per la salute ad essi connessi?

Cosa sono gli acari della polvere

Gli acari sono degli aracnidi, ovvero degli animaletti appartenenti alla famiglia di ragni e zecche. Essi sono molto piccoli e, proprio perché invisibili all’occhio umano, possono proliferare indisturbati nelle nostre case. Esistono diversi tipi di acari ma solo una minima parte sono quelli che interessano la salute umana. Ci riferiamo agli acari Dermatophagoides che, come suggerisce il nome, sono quelli che si nutrono di residui di pelle umana. In realtà, la loro alimentazione comprende qualsiasi residuo organico presente in casa, tra cui saliva, funghi e muffe, pollini, resti di insetti e batteri di diverso tipo.

A rendere ideale l’ambiente, inoltre, non è solo la quantità di cibo reperibile ma anche le condizioni ambientali. L’ambiente ideale per la loro proliferazione ha una temperatura superiore a 20° e un’umidità compresa fra il 60% e l’80%. Gli acari, inoltre, non amano la luce solare. Residui organici, calore, umidità e assenza di luce sono tutte condizioni che rendono ideale un particolare ambiente: il letto.

Quali sono i rischi per la salute umana

Sebbene l’idea di avere il letto invaso da questi piccoli ragnetti faccia a tutti un certo effetto, è bene evidenziare che la loro presenza rappresenta un pericolo maggiore solo nei soggetti predisposti e nei bambini. Inoltre a dare problemi non sono gli acari in sé ma i loro residui, come feci e resti di carcasse, che essendo molto volatili sono facilmente inalate.

I rischi ai quali si va incontro sono principalmente allergie e riiniti. Entrambe scatenate da una risposta eccessiva del sistema immunitario, possono infatti creare problemi respiratori. Per questo motivo è bene limitare il più possibile la proliferazione di questi artropodi.

Acari della polvere: come limitarli

Se la vostra domanda è “come eliminare gli acari della polvere” sappiate che non è possibile. Essi infatti sono presenti in ogni casa, a prescindere dal livello di pulizia. Quello che però si può fare è limitarne il più possibile la proliferazione, restringendo così la possibilità di conseguenza sulla salute. Come fare allora? Ecco i principali consigli:

Hai scoperto cosa sono gli acari e cerchi un modo professionale per limitarne la proliferazione?

Noi di Aurora Cleaning siamo un’impresa di pulizie con oltre vent’anni di esperienza. Contattaci e il nostro personale sarà felice di rispondere alle tue domande fornendoti un preventivo gratuito e senza alcun impegno!

Pulire le tende da sole: ecco come fare

La bella stagione si appresta a terminare e così arriva il momento, per molti, di pulire le tende da sole. Dopo aver preso sole, pioggia e, chissà, magari anche resina e sporcizia di vario tipo, è infatti necessaria qualche operazione prima di smontarle in vista dell’inverno.

Gli step per pulire le tende da sole

La pulizia delle tende da sole è sicuramente un’operazione che richiede tempo ed una gran quantità di lavoro. Tuttavia è davvero importante per la loro manutenzione, poiché il tipo di sporco al quale sono soggette rischia di corroderle e comprometterne l’usabilità. Ecco allora quali sono gli step da seguire:

Eliminazione della polvere

Eliminare la polvere dalle tende da sole è il primo importante passaggio e richiede una certa cura per evitare che eventuali residui si impastino con acqua e sapone fissandosi ai tessuti. Se si è in campagna, potrebbe accumularsi del terreno mentre, se si è in città, ci saranno cumuli di smog ed altre polveri sottili. Per questo è bene passare con cura un aspirapolvere, magari cambiando bocchettone a seconda delle necessità. Per eliminare la polvere negli angoli più stretti, inoltre, è possibile usare una bomboletta di aria compressa.

Trattamento macchie

Per questa fase il primo consiglio è quello di leggere le eventuali istruzioni di lavaggio riportate sull’etichetta o sul sito internet del produttore. Se non ci dovessero essere particolari istruzioni, sarà possibile procedere con dei prodotti specifici per smacchiare il tessuto di cui è composta. A quel punto, dopo essersi accertati che il prodotto non rovini le fibre attraverso un piccolo test in una zona nascosta, sarà sufficiente procedere secondo le istruzioni riportate sul detersivo.

Lavaggio

Per la fase di lavaggio consigliamo di usare un detergente delicato, come un sapone da bucato, di Aleppo o di Marsiglia. Sarà sufficiente munirsi di una vashetta con acqua e sapone per strofinare la tenda con un panno in microfibra e poi sciacquarlo nella vaschetta stessa. Non potendo passare la tenda sotto l’acqua corrente, consigliamo di ripetere più volte l’operazione, cambiando spesso l’acqua.

Asciugatura

L’asciugatura è una fase molto importante nel lavaggio delle tende da sole perché impedirà la formazione di batteri e muffe nelle zone rimaste umide, specie considerando che dovrà passare diversi mesi riposta. Per una corretta asciugatura, sarà utile smontare la tenda e lasciarla in una zona ventilata, meglio se all’interno. Se lasciarla all’interno non dovesse essere possibile, sarà importante accertarsi che non ci finisca sopra dello sporco e, prima di riporla, ripassare un’ultima volta l’aspirapolvere.

Cerchi un’impresa di pulizie che si occupi di pulire le tende da sole in modo professionale?

Scopri tutti i nostri servizi in dettaglio oppure richiedi un preventivo

Pulire i materassi: i trattamenti consigliati per una corretta igiene

Pulire i materassi è un’abitudine molto importante per una corretta igiene della casa. Ed è essenziale soprattutto per evitare l’insorgere di allergie e problemi respiratori e tutelare in generale la salute umana. Sul materasso infatti si depositano capelli, cellule e materiale organico di vario tipo che, in un ambiente caldo e umido come quello che si crea sotto le coperte, sono l’habitat ideale per germi, batteri, acari e patogeni.

Ma quali sono le operazioni da fare per una corretta pulizia dei materassi? Ecco una piccola guida.

Operazioni consigliate per una corretta igiene del materasso

Per poter pulire i materassi in maniera efficiente ci sono una serie di operazioni che vi consigliamo. Naturalmente non tutte vanno eseguite tutti i giorni ma ciascuna necessita di una determinata cadenza, ecco perché vi proponiamo una lista di azioni da eseguire:

Le operazioni da eseguire ogni giorno per pulire i materassi

Ogni mattina, quando il letto è ancora disfatto, la prima operazione da fare per mantenere una corretta pulizia dei materassi è quella di far prendere loro aria. Si tratta di una buona abitudine da non sottovalutare e che può arrecare un primo disturbo agli acari. Eliminare l’umidità residua infatti renderà l’ambiente più ostile per questi esserini, limitandone così la riproduzione. Considerate che per arieggiare bene dovrete rimuovere coperte e lenzuola e lasciare che prenda aria per almeno 30 minuti.

Dopo che avrà preso aria, sarà bene batterlo superficialmente per eliminare “il grosso” di peli e residui organici che si sono accumulati durante la notte. A questo punto potrete rifare il letto, così da trovarlo pronto per il prossimo riposo e soprattutto in modo da proteggerlo dalla polvere durante il giorno.

Le operazioni di pulizia materassi da eseguire una volta a settimana

Una volta a settimana sarà bene pulire i materassi in maniera un pochino più approfondita. Dopo aver fatto arieggiare e aver battuto il materasso come tutte le mattine, il consiglio è quello di passarvi su l’aspirapolvere con un bocchettone specifico. Dovrà avere la punta piatta e piccola in modo da aderire bene anche nelle parti più complesse (è importante passarla anche tra le cuciture dove lo sporco si annida di più).

Dopo aver fatto le operazioni di pulizia, bisognerà sostituire le lenzuola. Utilizzate delle lenzuola pulite e stirate, perché su un tessuto senza pieghe è più difficile che si accumuli lo sporco.

Le operazioni da eseguire una volta al mese per pulire i materassi

Le operazioni da fare una volta al mese sono un pochino più complicate ma vi permetteranno di dormire sonni più tranquilli, nel vero senso della parola! L’ideale infatti è togliere il materasso dal suo alloggiamento e portarlo in balcone, dove avrete messo un panno pulito per poggiarvi su il materasso, in verticale. In questo modo potrete batterlo in maniera approfondita con un battipanni e lasciare che prenda aria da tutti i lati. Vi accorgerete di quanta polvere sarete in grado di eliminare con questa operazione!

Le operazioni per pulire il materasso da eseguire una volta ogni sei mesi

All’incirca ogni sei mesi vi capiterà di sostituire il copriletto estivo con quello invernale (piumone o simili). Questa è l’occasione perfetta per lavare il materasso, dopo averlo lasciato arieggiare sul balcone come ogni mese. Per lavarlo vi consigliamo di utilizzare detergenti specifici, che siano poco aggressivi con la pelle nel caso vi rimangano dei residui. I detergenti andranno diluiti in acqua secondo le istruzioni riportate sulla confezione e la soluzione andrà passata su tutta la superficie del materasso con un panno umido, ricordandovi sempre di insistere sulle cuciture.

Mi raccomando a far asciugare bene il materasso perché, come ben sappiamo, se rimanesse umido potrebbe dare origine al proliferare di germi e batteri.

Quando andrete a riporre il materasso nell’alloggio, potrete girarlo così che non si incurvi e rimanga sempre comodo.

Hai bisogno di un’impresa di pulizia per pulire i materassi con attrezzatura e detergenti professionali?
Chiamaci o contattaci, saremo lieti di aiutarti senza alcun impegno.

CHIAMA ORA
02 45489749

Pulizia tende: i trattamenti settimanali e mensili consigliati

La pulizia tende è un’operazione che viene spesso trascurata. Certo, specie se si tratta di tende di grosse dimensioni, un lavaggio completo è un’operazione che spaventa e che spesso è anche difficile da fare con gli attrezzi domestici. Tuttavia, ci sono delle operazioni che andrebbero fatte di tanto in tanto per tenere pulite le tende e far sì che continuino a rendere la casa luminosa e accogliente.

Una regolare pulizia delle tende, inoltre, si traduce in una corretta manutenzione. Polvere, peli di animali, umidità ed altri agenti che si possono accumulare, sono infatti corrosivi e a lungo andare possono intaccare i tessuti compromettendone la bellezza.

Ma quali sono le operazioni giuste da fare? Ecco una piccola guida.

Operazioni consigliate per una corretta manutenzione delle tende

Per poter effettuare una costante pulizia delle tende ed una loro conseguente manutenzione, il primo suggerimento è quello di acquisire delle abitudini da ripetere con determinate frequenze. Ecco allora che è bene parlare di:

Pulizia tende: trattamenti settimanali

L’ospite indesiderato che più spesso si deposita sulle tende è senza dubbio la polvere. Sebbene la luce che queste lasciano passare può ingannare, lasciando che le tende sembrino più pulite di quanto in realtà non sono, sarete stupiti della quantità di polvere che possono accumulare in una sola settimana. Specie nelle grandi città, infatti, le polveri sono sottili e fitte, e tendono a rimanere intrappolate nelle trame dei tessuti. Per questo motivo, una volta a settimana, il consiglio è di aspirarle con il beccuccio dell’aspirapolvere apposito per i tessuti. Si tratta di un’operazione che potrebbe richiedere tempo ma che sarà sicuramente ripagata dal risultato. Per raggiungere le parti più alte servitevi di una scala, cercando di essere comodi così da dedicare il tempo necessario a tutte le cuciture che, ahimè, sono concentrate proprio nelle zone più alte.

Pulizia tende: trattamenti mensili

Quello che vi consigliamo di effettuare una volta al mese è sicuramente più impegnativo ma assolutamente necessario. A differenza delle operazioni giornaliere, il trattamento mensile richiede che la tenda venga rimossa dal bastone. Cosa fare, dunque? Ecco una lista di operazioni:

A questo punto potrete rimettere le vostre tende sul bastone e continuare a godervi le vostre finestre.

Cerchi un’azienda che si occupi di pulire le tende con attrezzatura professionale?
Chiamaci o contattaci, ti forniremo le informazioni che cerchi senza alcun impegno.

CHIAMA ORA
02 45489749

Call Now ButtonCHIAMA ORA